Il comune in comune

TARES (Tariffa di gestione dei rifiuti urbani – Maggiorazione per servizi indivisibili)

(1)Che cos'è
Il D.L. 201/2011, come convertito in Legge 214/2011, e successivamente integrato e modificato, ha introdotto - all’art. 14 - il tributo comunale sui rifiuti e servizi a decorrere dall’ 1/1/2013. Il nuovo tributo è destinato alla copertura dei costi relativi:
- al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa pubblica ai sensi della vigente normativa ambientale;
- ai servizi indivisibili dei comuni. Nel comune di Pino Torinese è stata istituita, in continuità con la scelta tariffaria operata nel 2005, la “TARES corrispettivo”che non varia in termini di costi e di commisurazione rispetto alla precedente impostazione (TIA).
Si ricorda che l'intera gestione del ciclo rifiuti urbani, che ricomprende la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti urbani e di quelli assimilati, nonché il servizio di accertamento e di riscossione della tariffa-corrispettivo, sono affidati in concessione al Consorzio Chierese per i Servizi.

Destinatari
Deve corrispondere la tariffa chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.
Sono escluse dall’imposizione, ad eccezione delle aree scoperte operative, le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili e le aree comuni condominiali di cui all'articolo 1117 del Codice Civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva.
La tariffa è dovuta con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse.
In caso di utilizzi temporanei di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, la tariffa è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie.

Maggiorazione per servizi Indivisibili
L’art. 14 del D.L. 201/2011 ha istituito, oltre alla TARES anche la maggiorazione per servizi indivisibili, per il finanziamento dei costi relativi ai servizi indivisibili, quali ad esempio polizia locale, ufficio tecnico, anagrafe, illuminazione pubblica, istruzione, verde pubblico e manutenzione strade. Tali servizi quindi non hanno nulla a che vedere con il servizio di gestione dei rifiuti urbani svolti dal Consorzio.
Per l’anno 2013 la maggiorazione è riservata allo Stato ed è versata in unica soluzione, tramite il bollettino di c.c.p. preintestato “Pagamento TARES”o il modello F24, utilizzando il codice tributo 3955.
Per l’anno 2013 la maggiorazione è stabilità in euro 0,30/mq. commisurata alla superficie assoggettabile a TARES, risultante al 1 Gennaio 2013. Tale superficie è indicata nella fatture TARES spedite agli utenti
                    Esempio di calcolo: 200 mq x 0,30 = 60 euro
All’importo così calcolato si devono applicare le eventuali riduzioni, agevolazioni, contributi ed esenzioni stabilite sulla quota fissa della TARES.
Nulla è dovuto dall’utente qualora l’importo totale risultante della maggiorazione sia inferiore a euro 12,00.

*******************

(2)Termini e modalità di pagamento acconto anno 2013
L’importo della fattura di acconto della tariffa di gestione dei rifiuti urbani è pari a quanto richiesto all’utente nell’anno 2012 a titolo di TIA.
Il pagamento può essere effettuato in due rate rispettando le seguenti scadenze:
• 15 settembre 2013
• 15 novembre 2013

Il pagamento della maggiorazione per servizi indivisibili va effettuato in un’unica soluzione in coincidenza con l’ultima rata della tariffa sopra indicata (15 novembre 2013).

Modalità di pagamento della tariffa di gestione dei rifiuti urbani

• Tramite gli appositi bollettini precompilati dell’Agente di Riscossione EQUITALIA che gli utenti riceveranno a casa insieme alla fattura.

• Tramite il modello F24 utilizzando il codice tributo 3950 “Tariffa - art. 14 c. 29 D.L. n. 201/2011 e s.m.i.”

Se si utilizza il modello F24 occorre compilare la “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI”

Nel campo “IDENTIFICATIVO OPERAZIONE” va riportato il numero della fattura indicato nella prima pagina (numero a 18 cifre, occorre togliere lo zero iniziale)

Nel campo “codice ente/codice comune” indicare il codice G678 corrispondente al comune di Pino Torinese

Nel campo “Ravv.” non indicare nulla

Lasciare in bianco i campi “Imm. variati”, “Acc.” e “Saldo”

Nel campo “numero immobili” inserire il numero degli immobili (massimo 3 cifre)

Il campo “rateazione/mese rif” va compilato nel seguente modo:
indicare 0102 per il pagamento della prima rata
indicare 0202 per il pagamento della seconda rata

Nel campo “anno di riferimento”, indicare 2013

Nel campo “importi a debito versati” indicare la somma da versare

Modalità di pagamento della maggiorazione per servizi indivisibili

• Tramite il bollettino di c.c.p. preintestato “Pagamento TARES”. Il codice da indicare nel campo “Codice catastale” è G678 corrispondente al comune di Pino Torinese.

• Tramite modello F24 utilizzando il codice tributo 3955 “Maggiorazione - art. 14 c. 13 DL n. 201/2011 e s.m.i.”. Per le specifiche di compilazione del modello F24 si vedano le indicazioni sopra riportate riferite alla sezione “IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI” tenendo conto che nel campo “rateazione/mese rif” occorre indicare “0101” in quanto trattasi di pagamento in unica soluzione.

Gli esempi di compilazione del modello F24 e del bollettino di c.c.p. possono essere visualizzati sul sito del Consorzio Chierese per i Servizi www.ccs.to.it, sezione “Il Consorzio”, TARES., Metodi di pagamento

*******************

(3)Agevolazioni, contributi ed esenzioni

Sono disciplinate dal Regolamento comunale all’ALLEGATO 3.

*******************

(4)Dove rivolgersi

EcoSportello - Consorzio Chierese per i Servizi - presso Villa Grazia (ingresso da piazza del Municipio) nei seguenti giorni e orari:
lunedì e giovedì dalle 9.00 alle 12.00
mercoledì dalle 15.30 alle 17.30

Telefono +39 011.941.43.43

Sito internet: www.ccs.to.it

*******************

(5)Tariffe anno 2013

*******************

(6)Regolamento




Vivere a Pino